icona_social_facebook.png

Dormire in barca: consigli per un riposo perfetto

dormire in barca
Dormire in barca durante una crociera è un’esperienza di cui non potete assolutamente fare a meno. Spesso, inoltre, è quasi una scelta obbligata. Per esempio potreste stancarvi durante la navigazione e volervi riposarvi per qualche ora. Oppure potreste non essere arrivati a destinazione in tempo, dovendo così passare la notte a bordo. Non c’è motivo, in ogni caso, di privarsi di comodità, comfort e relax. Con questi semplici accorgimenti dormire in barca sarà un’esperienza estremamente piacevole e riposante!

Dormire in porto o in rada

Per prima cosa bisogna decidere dove pernottare. Per lo più è una scelta di competenza dello skipper che dipende dalle condizioni meteorologiche. Una sosta in porto è, ovviamente, molto più comoda. Dormire a bordo in in caso di maltempo sarà molto più sicuro, e cibo, acqua ed elettricità non saranno una preoccupazione. Se invece volete un’esperienza più immersiva dormire in rada è ciò che fa per voi. Per “passare la notte alla fonda” dovrete sempre accertarvi di avere la cambusa piena e prestare molta attenzione alle tecniche di ancoraggio. Dopodiché potrete godervi una splendida notte a bordo, in completa tranquillità – lontani da turisti, vicini d’ancora e dai rumori del porto.

Le cabine

In generale le cabine di poppa sono le più spaziose per via della loro forma “rettangolare”. A prua invece, potrebbe trovarsi o un’ampia cabina armatoriale, o più cabine. Queste, per via del caratteristico restringimento dello scafo, risulteranno un po’ più piccole. Le cabine a poppa sono più vicine al motore, e dunque tendenzialmente più rumorose. Per garantirvi il migliore riposo a bordo potete eventualmente insonorizzare il vano motore. Le tendine in pvc sono la soluzione più semplice ed economica; rivestire il vano di materiali fonoassorbenti la più efficace (e costosa). In ogni caso è sempre una buona idea munirsi di tappi per le orecchie. Con questo semplice accorgimento il vostro sonno in barca sarà sempre tranquillo e silenzioso.

Letti e cuccette

Per poter dormire in barca in perfetta tranquillità ricordatevi di attrezzare i letti o le cuccette per contrastare gli effetti indesiderati del beccheggio. La soluzione migliore è aggiungere ai letti spondine laterali (o centrali nei matrimoniali), poggiaschiena imbottiti e teli antirollio. È la scelta più sicura soprattutto se ci sono bambini a bordo. Così potrete dormire serenamente senza venire disturbati dalle onde. Potete infine servirvi di materassi con cuscini integrati o “fissare” i cuscini con il velcro in modo che non scivolino a causa del rollio. Ricordatevi anche che ci sarà molta luce! L’ideale è coprire gli oblò con dei teli e portare sempre con voi una mascherina per gli occhi.

Dormire in barca all’aperto

È possibile ovviamente anche dormire sotto le stelle. Molte dinettes infatti sono attrezzate con divani che possono diventare comodi letti matrimoniali. Se dormite in coperta non dimenticatevi sacchi a pelo, mascherine per gli occhi e torce per eventuali spostamenti notturni. Ora che sapete di cosa avrete bisogno non vi resta che imbarcarvi e godervi una splendida notte cullati dalle onde.

Da oltre 25 anni ci prendiamo cura della tua più grande passione: la vela.
Contattaci, parla con un esperto e scopri il modello più adatto a te

Condividi:

Categorie:

Ti potrebbe interessare:

Vela Cup ed Elan Cup 2022

Il 23 luglio, nella magica cornice di Venezia, si terrà la Elan CUP 2022 nell’ambito della regata TAG Heuer Vela CUP – Round The Lido

101 giorni alla Barcolana

Mancano 101 giorni alla Barcolana e, proprio a 101 giorni dal colpo di cannone che darà il via alla 54esima edizione, Mitja Gialuz, presidente dell’impronunciabile

Ti è piaciuto quest'articolo?

Ricevi in anteprima le novità in esclusiva.

Ti è piaciuto quest'articolo?

Ricevi in anteprima
le novità in esclusiva.